errori online dei locali

Troppi clienti che sono ad un passo dal tuo locale … ma che non entrano? Basta con gli errori online dei locali!

Oltre il 34 % dei clienti che pensano di venire nel tuo locale e non lo fanno, ci ripensano per colpa tua (e dei tipici errori di comunicazione online dei locali!)

Questo è il risultato del lavoro della mia azienda negli ultimi due anni, dell’analisi di 412 indagini svolte su altrettanti locali in Italia.

Si lo so, stai pensando “e io che c’entro?”

Eppure, messi davanti alle evidenze, molti ristoratori hanno riconosciuto che i clienti hanno buone ragioni per non entrare nel loro locale.
Sulla base del lavoro di indagine svolto da Menuperfetto, abbiamo un identikit degli ostacoli che un locale (anche alcuni tra i migliori, quelli che hanno la comunicazione gestita da un’agenzia di marketing) “involontariamente” mette davanti ai suoi clienti durante le loro ricerche online.

Clienti che quindi, già dubbiosi di fronte alle tante scelte, non superano le loro incertezze e, alla fine, scelgono un altro locale.

E, quali sono questi ostacoli?

Prima di vedere gli errori e le disattenzioni più frequenti nella comunicazione on-line di un locale, vediamo quali sono i passi con cui un cliente scegliere in quale locale andare.

Come un cliente sceglie in quale locale andare

Secondo uno studio di Tripadvisor, lo strumento più importante che i clienti utilizzano per giudicare e scegliere un locale che non conoscono, un cliente in cerca di un ristorante procede in un modo simile al seguente:

– Pensa al tipo di offerta gastronomica di cui ha più voglia;
– Effettua una ricerca su internet (Google, Google my Business, Facebook, Instagram, TripAdvisor, ecc.) per scoprire quali ristoranti corrispondano alle sue esigenze.
– Visualizza le informazioni relative ai ristoranti in base all’ordine in cui questi compaiono all’interno di tali motori di ricerca (fondamentalmente di Google).
– Valuta la qualità dei piatti, dell’ambiente, dell’esperienza promessa e se i prezzi siano adeguati o meno.
– Verifica la posizione del ristorante per valutarne la comodità.
Legge le recensioni sul ristorante su Tripadvisor (oppure su Facebook e Google my Business).

Se il ristorante ha un sito ed è presente sui social, il cliente ne visiterà le pagine per farsi un’idea, dell’ambiente del locale e dei commenti degli utenti, e per capire che sensazione gli trasmetta. Non ultimo per avere le informazione sugli orari

E qui cominciano gli ostacoli

Infatti, qui cominciano gli ostacoli. Credo che anche a te sia capitato di vedere il sito web o la pagina Facebook di un tuo collega (o qualsiasi altro tipo di presenza on-line) e di chiederti “… ma perché il mio locale non ce l’ha?”

E quindi, da solo grazie a un consulente di marketing, hai creato subito, il nuovo sito responsive, il nuovo profilo di Instagram, …

Di la verità, ti è capitato almeno una volta, giusto?

Ed ecco dove sta il problema: tutte queste presenze on-line vanno gestite, vanno aggiornate, gli va fatta manutenzione.

Quando i tuoi strumenti di comunicazione on-line sono troppi, ne perdi il controllo oppure prendi atto che ci vuole troppo per gestirli tutti, li lasci alla loro sorte, li abbandoni.

Di certo questa non è colpa tua. Come imprenditore e come lavoratore attivo nel tuo locale hai così tante cose da gestire, organizzare, acquistare e vendere che davvero aggiornarti sulle ultime novità dei vari social è una “Missione Impossibile”!

E quindi pensi che questi strumenti li hai ormai creati e che, anche se li lasci un po’ andare, comunque fanno il loro lavoro di comunicazione ai tuoi potenziali clienti.

Il problema è che, mentre pensi questo, la vita scorre:
cambiano gli orari del tuo ristorante,
cambiano i piatti che proponi,
cambiano le offerte che fai.

, seguendo le indicazioni (che abbiamo visto all’inizio di questo articolo) che Tripadvisor ci da su come i clienti scelgono un nuovo locale, succede una cosa terribile.

Antonio (un tuo potenziale cliente), che sta cercando un posto carino per cenare con sua moglie, inserisce “ristorante per serata romantica” su Google.

Nella zona intorno a lui appare sulla mappa di Google il tuo locale e quello del tuo peggior concorrente.

Fortunatamente tu hai aperto e compilato il tuo profilo di Google my business e quindi Antonio comincia a leggere.

Purtroppo però, dal momento della compilazione iniziale, hai cambiato giorno di chiusura e ti sei scordato di aggiornarlo.

Quindi, su Google my business, trova scritto che questa sera sei chiuso (e quindi sceglie il tuo concorrente!)

Oppure:
Antonio da Google va direttamente sul tuo sito Web, ma perde più di 30 secondi (tempo esagerato quando sei sul Web) per trovare il numero per prenotare (e quindi passa al sito del tuo concorrente!)

Oppure:
Antonio, curiosando sul tuo sito, scopre una bellissima offerta subito sotto il tuo logo.
Purtroppo è un’offerta relativa a Capodanno 2018!
Antonio pensa quindi che il tuo sito è abbandonato perché il locale ha chiuso in questa crisi economica (e quindi passa al sito del tuo concorrente!)

E questo disastro che abbiamo visto solo su Google e il tuo sito web, può accadere molte altre volte su Facebook, su Instagram, su Tripadvisor, …

Ogni volta che lasci una informazione sbagliata, che dimentichi di dare un’informazione essenziale, ogni volta che dai all’Antonio di turno la sensazioni che non ti prendi cura di lui dandogli indicazioni sbagliate, corriere rischio che lui possa pensare che la stessa mancanza di cura tu la metterai nel risotto, nella pizza o nella tagliata che potrebbe acquistare da te questa sera (e quindi sceglie il tuo concorrente!).

Quanti soldi vuoi ancora buttare in questo modo?

Quanti clienti potenziali, quanti Antonio stai sacrificando perché la tua comunicazione on-line è confusa e non aggiornata?

Quanti tavoli vuoti sei disposto ancora ad accettare per colpa del disordine che stai mostrando ai tuoi potenziali clienti sul web?

Quanti sorrisi vuoi ancora regalare al tuo concorrente che, facendo una comunicazione on-line semplice e pulita, accoglie i suoi nuovi clienti (che dovevano essere tuoi!)?

E quindi ora devo diventare un esperto di web? Di marketing online?

Certo che no! Non è questo che ti chiedo.

Le tue competenze di valore sono altre: riguardano la gestione della cucina o della sala o della organizzazione degli eventi.
Non ti sto chiedendo di diventare un genio dell’informatica.

Certo è che comunque questi strumenti online li devi gestire.

Se compri una macchina, ogni tanto le gomme le devi gonfiare.
Ogni tanto la spia dell’olio la devi controllare.
Se non dedichi la minima attenzione a questi aspetti, prima o poi la macchina ti abbandonerà.

Ma non è detto che debba farle tu queste cose!

Infatti non le fai: una volta l’anno porti la tua macchina dal meccanico per fare un checkup.

Ma torniamo alla tua “macchina di comunicazione on-line”: E se fosse possibile fare questo checkup gratuitamente?

Se fosse possibile individuare ed eliminare tutti gli ostacoli che tu involontariamente hai messo sul cammino dei potenziali clienti che stanno valutando il tuo locale?

Se quello che dice Tripadvisor è vero (e secondo me Tripadvisor di esperienza nell’ambito dei clienti della ristorazione ne ha un bel po’!) allora ti devi muovere subito.

Rimuovere gli ostacoli era una cosa importante un anno fa, prima dell’inizio di questa pandemia, quando c’erano tanti clienti in giro ed era un peccato perderne anche uno solo.

Adesso, con una riduzione di circa l’80% dei clienti nella ristorazione, perdere anche un solo tavolo per colpa di una scemenza che hai lasciato sul Web, è un suicidio!

E allora, vuoi un consulente specializzato nel marketing Online è dei ristoranti che faccia sul lega locale una indagine che scopra tutte le informazioni errate, non aggiornate o mancanti sui tuoi strumenti di comunicazione on-line?

E che su questi aspetti ti invii una analisi scritta (un report di oltre 10 pagine) scrivi in modo semplice e preciso sugli aspetti che puoi migliorare nella tua presenza on-line?

Ma non basta! Un consulente che faccio una (falsa) prenotazione del tuo locale per dirti che esperienza vive un cliente nel primo contatto con il tuo locale?

Noi di Menuperfetto chiamiamo questa analisi “Indagine di Mystery Client online”.

Il costo di questo servizio è normalmente di € 197 ma in questo momento stiamo offrendo l’indagine in modo completamente GRATUITO e senza alcun IMPEGNO.

Il nostro gesto vuole essere una spinta affinché la ristorazione italiana si riprenda e si adatti ai cambiamenti di questo periodo nel più breve tempo possibile.

E ovviamente è uno strumento per aumentare la nostra visibilità a livello nazionale.

Quindi non perdere tempo e non permettere ad un solo ulteriore tavolo di rimanere vuoto “per colpa tua”!

Fai clic qui e RICHIEDI SUBITO la nostra “Indagine di Mystery Client online”.

È gratuita e senza impegno. Non dovrai fare nulla. A tutto il lavoro ci penserà un nostro consulente.
Richiedi la nostra “Indagine di Mystery Client online” e riceverai la nostra analisi scritta in tre giorni.

Potrei parlare uno dei nostri consulenti E fargli domande sulle affermazioni che ti sono poco chiare.

Quindi smetti di regalare potenziali nuovi clienti a quel ristorante a 500 m da te che proprio non sopporti!

Fai clic qui e RICHIEDI SUBITO la nostra “Indagine di Mystery Client online”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *